“Caccia mortale”, Cronache dei due mondi

di Camilla Fontana

«Insegniamo ai nostri bambini che i diavoli possono tentarci, ed è vero. Quel sussurro, quel suggerimento diabolico, è infatti una delle poche modalità conosciute attraverso le quali il mondo che non si vede interagisce con quello che vediamo. Quello che non si dice però è che a volte il velo che separa i due mondi si assottiglia e a volte si strappa».

Fang Qwa Jia è una bellissima quattordicenne appartenente al segreto ordine del Cigno di Neve. Il suo compito, dopo aver dedicato lunghe ore ad addestramento, riflessione e meditazione, è quello di trascrivere le vicende dei Mondi Divisi, che le vengono mostrati da un demone viscido e ingannatore che il suo ordine tiene racchiuso in un’urna, per volere della Porta, l’entità che governa in modo autoritario il luogo in cui essa vive. Nonostante lei sia molto giovane per un compito così gravoso e pericoloso, Fang ha un forte senso del dovere ed è ben conscia dei sacrifici che la sua famiglia ha dovuto fare per farla entrare in quest’ordine, come anche delle conseguenze disastrose di fallire agli occhi della Porta.

Delion di Rubra è uno strano giovane senza-cognome che vive ad Arkandia, una terra che in passato era un regno fiorente, ma che ora è segnata dalla guerra e, in alcune zone, da carestia e povertà. Un tempo governata da un re, Arkandia ora è nelle mani della Corte delle Lacrime, un consesso comprendente rappresentanti delle varie provincie, che hanno poco interesse per le condizioni della povera gente. Figlio di un mercenario, Delion lavora come assistente e tuttofare in un’abazia. Essere un senza-cognome gli impedisce di fare strada nel mondo e ottenere ruoli di prestigio, imbrigliandolo di fatto in un’esistenza poco soddisfacente e vuota.  Come medicina contro i mali che affliggono la sua terra, il giovane sogna il ritorno di un re forte e autoritario e del mitico ordine dei Cavalieri della Signora, un gruppo di nove cavalieri i cui grandi poteri sono avvolti nel mistero, scomparsi con la morte dell’ultimo re per mano di un uomo malvagio che un tempo era il loro scudiero.

Le vite di questi due giovani protagonisti, che vivono ai capi opporsi dei Mondi Divisi, diventano connessi in modo misterioso ma indissolubile quando il demone ingannatore mostra a Fang gli accadimenti che ruotano intorno a Delion e quando la vita tranquilla di questo viene improvvisamente scossa in seguito ad un’apparentemente innocua consegna di cui viene incaricato dall’abate. Aspettandosi infatti di dover semplicemente consegnare una strana reliquia a due monaci stranieri, Delion si trova invischiato in una rocambolesca fuga prima dalla legge e poi da enormi demoni cane, comandati da un losco figuro dal volto nascosto che vuole prendere la reliquia e la loro vita.

Mentre Fang segue con il fiato sospeso le vicende dello sfortunato giovane, questo si ritroverà a compiere scelte che cambieranno la sua vita per sempre. Col l’aiuto di inaspettati alleati e ritrovando la fiducia in se stesso e la forza di fare ciò che è giusto, Delion prenderà infatti finalmente in mano il suo destino e, sotto il dolce sguardo di Fang, inizierà il cammino verso il compimento del suo destino.

Caccia mortale è il primo libro della saga delle Cronache dei due mondi, un nuovo ciclo fantasy scritto dall’abile mano di Stefano Marguccio, giurista, gran viaggiatore e diplomatico della Repubblica Italiana.

Questo nuovo romanzo lascia a bocca aperta per la sua ricchezza di dettagli e la maestria nella scrittura, tanto da avvicinarsi molto come stile ad autori del fantasy internazionale di grande spessore. I personaggi sono molto originali e ben caratterizzati e il mondo in cui vivono ha una complessa storia e una sua mitologia, che l’autore ci permette di apprezzare grazie alle numerose storie e leggende raccontate dai personaggi stessi.

L’atmosfera di tensione che si dipana tra le pagine fa procedere quasi febbrilmente il lettore attraverso le avventure di Delion, con un ritmo che quasi toglie il respiro. Un po’ di pace si recupera con i capitoli della giovane Fang, che sono più lenti e pacati, ma aggiungono mistero e oscuri presentimenti agli avvenimenti del libro.

Il finale aperto è un perfetto coronamento delle vicende narrate, ma lascia il lettore a bocca asciutta, disperatamente alla ricerca di risposte che troverà solo nel prossimo libro, che speriamo con tutto il cuore esca a breve.

Questo splendido libro è adatto a chiunque ami un buon fantasy, sia esso un giovane o un adulto e, promettiamo, non vi deluderà nemmeno un po’, ma saprà rapirvi e portarvi nei Mondi Divisi a vivere epiche avventure.

Dunque, vi auguriamo una buona lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *