The Last Jedi: un teaser e tante domande

di Marianna Piras – 

Amici e Amiche di Fantasy Era, come avrete sicuramente saputo seguendo le nostre aggiornatissime pagine social, si è appena conclusa la Star Wars Celebration, dedicata al 40esimo anniversario della saga, iniziata appunto nella primavera del 1977. I due momenti salienti sono stati il ricordo di Mark Hamill alla compianta Carrie Fisher (chi vi scrive ha ancora gli occhi gonfi dal pianto) e, ovviamente, il teaser di The Last Jedi, episodio in uscita a Dicembre. I pochi secondi di immagini ci hanno lasciato, se è possibile, ancora con più domande di quante non ne avessimo prima. Il parallelismo con il teaser di The Force Awakens è evidente, a partire dalla prima immagine, dedicata ora ad un forte respiro di Rey, mentre per il film precedente la stessa scena apparteneva a Finn.

Scorgiamo tutti i personaggi più importanti e tutti simboli più iconici, compresa la maschera semi distrutta di Darth Vader e il Millemmium Falcon. Vediamo Finn nella capsula medica, che sembra essere stabile (questo vuol dire la parola aurebesh che si scorge sul vetro) e molto simile ad Han Solo congelato nella grafite, e vediamo anche un attacco alla base della Resistenza con Poe Dameron e BB8 che corrono, similmente a come accaduto in Episode V durante l’attacco alla stazione ribelle su Hoth; vediamo ancora delle piccole scene di quello che sembra essere l’addestramento di Rey e, per la prima volta in un film della saga di Star Wars vediamo dei… libri! Finora non era mai successo! Tuttavia sono le parole di questo teaser a lasciarsi con molte domande, soprattutto quelle pronunciate da Luke. Rey, in contatto con la Forza, vede Luce, Oscurità ed Equilibrio, mentre scorrono le immagini di Leia, della maschera distrutta e di un antico libro Jedi e si sentono le parole di Leia (“Sei la mia ultima speranza!”) di Obi-Wan (“Sedotto dal Lato Oscuro…”) e di Yoda (“Ci circonda, ci lega”). A questo punto interviene Luke dicendo “È molto più grande…”. Queste parole potrebbero far pensare che Luke voglia far presente a Rey che la divisione tra Luce e Oscurità è una visione antiquata del percorso Jedi e che l’una non può esistere senza l’altra. Se ci pensiamo, l’idea che la distruzione dei Sith portasse equilibrio nella Forza in realtà rappresenta uno squilibrio in sé, poiché rappresenta la prevalenza assoluta di uno dei due lati. Che Luke sia diventato un Jedi Grigio? La teoria in effetti circola da vari anni nel fandom di SW. Mentre il teaser continua a ritmo forsennato, tra immagini di lotta e astronavi che sfrecciano sul nuovo pianeta Crait, compaiono Rey e Kylo armati di lightsaber, blu per Rey e sentiamo ancora una volta la voce di Luke “Conosco una sola verità…”. Qual è questa verità? Vediamo ancora le immagini dell’incendio di un edificio che Luke vede in lontananza assieme ad R2D2, e potrebbe essere l’incendio del tempio Jedi a seguito del tradimento di Kylo Ren.

Il finale del teaser ci mostra Luke pronunciare le parole più enigmatiche di tutto il teaser. Se per The Force Awakens il primissimo teaser si chiudeva con Han Solo dire a Chewbacca “Chewbe, siamo a casa!”, ora abbiamo Luke che dice “…Il tempo della fine dei Jedi è giunto!”. Panico, vero? Analizziamo bene l’immagine che accompagna queste parole: Luke è sulla soglia di quella che sembra una grotta, dove forse vive (come Yoda su Dagobah), ma se guardiamo bene vicino all’apertura si scorge l’arma usata da Rey nell’episodio precedente. Nella voce di Luke c’è molta rassegnazione, che traspare dal suo atteggiamento fisico. Sono propensa a pensare che si tratti di una battuta pronunciata prima che l’addestramento di Rey inizi, quindi, da un punto di vista cronologico, di poco successiva al finale di The Force Awakens. Luke, visto il suo precedente fallimento e l’esilio volontario, avrebbe tutte le ragioni a voler essere titubante a prendere nuovi apprendisti pertanto i Jedi finirebbero con lui, alla sua morte. Un’altra possibile interpretazione è che la battuta si riferisca ai Jedi per come fino ad ora li abbiamo conosciuti e questo si collegherebbe alla teoria di Luke ormai Jedi Grigio e alla concezione della Forza in modo molto più grande. Non ci resta che attendere Dicembre e, prima ancora, Settembre-Ottobre, quando verrà svelato il trailer ufficiale. Nell’attesa concentriamoci ancora su qualche piccolo dettaglio extra-teaser, come ad esempio il titolo. In Italiano è stato tradotto al plurale, Gli ultimi Jedi, in riferimento quasi matematico a Luke e Rey. Rian Johnson, subentrato a J.J. Abrams alla regia, però ha affermato in un’intervista di aver sempre inteso il titolo al singolare, perché per lui Luke è l’ultimo Jedi. Dal canto suo Mark Hamill ha dichiarato che non è particolarmente contento dell’evoluzione del suo personaggio nel film. Cosa dobbiamo aspettarci?

Infine, uno sguardo al poster. C’è un’invasione di rosso, il colore dei Sith. Sappiamo che questo film, in parallelo con Episodio V, ha dei toni decisamente più cupi. “L’impero colpisce ancora” si chiudeva con Han imprigionato nella grafite e Darth Vader rivelare a Luke di essere suo padre, dobbiamo aspettarci una grande rivelazione anche qui? Dominano i volti di Luke (che non compariva nel poster di The Force Awakens) e di Kylo, zio e nipote, divisi dalla spada di Rey, il cui colore passa dal blu al rosso.

Per tutte le risposte a queste domande e a quelle precedenti, una su tutte quella che riguarda i genitori di Rey, dobbiamo aspettare Dicembre e goderci finalmente il nuovo episodio. Nell’attesa io vi lascio con il video del teaser e la commemorazione di Mark Hamill all’amica e collega Carrie Fisher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *